Non hai articoli nel carrello.

Subtotale: € 0,00

American Car

Altre viste

American Car
automobile

Consegna: 4 settimane

American Car della collezione ArcheToys di Magis, ideata da Floris Hovers, è la riproduzione della caratterista vettura americana, in acciaio

Special Price € 100,80

Prezzo di listino: € 112,00

American Car è disponibile per l'acquisto solo in multipli di 2

Dettagli

Schema Dimensioni

American Car della collezione ArcheToys di Magis, ideata da Floris Hovers, è la riproduzione della caratteristica automobile americana degli anni 60, completamente realizzata artigianalmente in profilato di acciaio verniciato in resina epossidica colore rosa.
Giocattolo e soprammobile, adatto in ogni ambiente

ArcheToys è una collezione di piccole auto in metallo, che riproduce i modelli degli anni 50 e 60, e dai quali si ispira il nome … “archetipo”.
Prodotte artigianalmente queste macchinette sono veri e propri oggetti da collezione. Originali regali per bambini ma anche un raffinati soprammobili per casa e ufficio.
Il loro designer, Floris Hovers, aveva creato la prima macchinetta per fare un regalo ad un suo piccolo parente. L’immediato successo ottenuto lo ha stimolato a crearne altre, fino ad ottenere questa collezione
Pur essendo prodotte in acciaio, le vetture si possono movimentare …. un giocattolo per grandi e bimbi, ricco di fascino, che emoziona nella sua essenzialità e peculiarità.
Alla collezione sono state recentemente aggiunte le riproduzioni stilizzate di una fattoria ed un cantiere edile

American Car viene spedita imballata in cartone

Dimensioni veicolo: cm 16,5x5x2,7h
Imballo 1 collo - mc 0,006 - Kg 1,17
Peso veicolo: Kg 0,49

Floris Hovers

Floris Hovers

Floris Hovers nasce nel 1976 a Raamsdonksveer, nel sud dei Paesi Bassi.
Dopo una formazione base in campo tecnico e pubblicitario a Utrecht, ha studiato presso l’Accademia del Design di Eindhoven dove si è laureato nel 2004. Nel 2006 ha fondato il suo studio e laboratorio di design a Raamsdonksveer.
Un approccio semplice e basico alle tecniche e ai materiali sono per Hovers gli strumenti essenziali per comunicare la sua visione e il suo metodo di lavoro. Spesso è attratto da forme industriali e strutture basiche ed è affascinato dalla realizzazione di piccoli e semplici oggetti, come i giocattoli fatti a mano.
La sua attività si colloca a metà strada tra un laboratorio artigianale idilliaco e una fabbrica di produzione di massa: due estremi che sono una costante in tutta la sua opera, da lui stesso descritta come artigianato industriale. Hovers produce prevalentemente lavori per conto proprio, prendendosi cura dell’intero processo, dall’idea al prodotto finito. Egli ritiene che il designer possa essere anche un artigiano che realizza i propri progetti.
Oltre che occuparsi dei suoi progetti, Hovers lavora anche per diversi marchi e produttori, tra cui Magis.

Magis

Magis viene fondata nel 1976. Nel 1994 viene prodotto Bottle, il primo progetto di Jasper Morrison per Magis, un oggetto che ha dato lustro a Magis collezionando moltissimi premi di design. Il 1996 è stato l’anno del Bombo di Stefano Giovannoni. Uno straordinario successo commerciale sul piano internazionale, tuttora vivissimo, è ancora supercopiato e superimitato. Il 2003 è stato l’anno della Chair_One di Konstantin Grcic. Un progetto fortemente innovativo. Rappresenta un esempio moderno di impiego della pressofusione di alluminio. Il suo disegno è lasciato più al vuoto che al pieno con conseguente economia di materiale.
Nel 2005 la famiglia Striped dei fratelli Bouroullec in poliammide trasparente ha riscosso molto successo, come lo sgabello Déjà-vu in pressofusione di alluminio lucido. Entrambi testimoniano la costante ricerca di materiali e forme diverse. Nel 2006 Magis ha presentato al Salone del Mobile 21 nuovi progetti, forse il miglior raccolto annuale che Magis abbia mai fatto in trent’anni di attività, a conclusione di un ciclo progettuale di circa tre anni.
Da ricordare uno fra tutti la sedia Chair First di Stefano Giovannoni, che segna un primato nell’air-moulding (da qui il nome First): lo svuotamento del telaio non è semplicemente applicato a volumi con ridotta sezione tubolare, bensì a volumi estesi e complessi come l’intero sedile e schienale. Il 2008 è stato l’anno della Steelwood Family dei fratelli Bouroullec, una collezione realizzata in lamiera di acciaio e massello di faggio e costituita da una sedia, da un sistema di tavoli e da un sistema di librerie.
Il 2010 è segnato anche dal grande rientro nel team Magis di Marcel Wanders, di cui sono stati presentati ben tre progetti (le sedie Cyborg, Troy e Sparkling). Da segnalare inoltre il lancio di Spun di Thomas Heatherwick, una seduta roteante in polietilene con cui il designer ha portato una svolta sorprendente nell’arredo di design convenzionale.


 Visita il sito Magis


Banner Magis


 

American Car

EUR

€ 91,80

0

Close