Non hai articoli nel carrello.

Subtotale: € 0,00

Sedia impilabile Air-Chair di Magis, versione verde

Altre viste

Air-Chair
sedia impilabile

Consegna: 4 settimane

Sedia impilabile senza braccioli Air-Chair di Magis ideata da Jasper Morrison in polipropilene.  Accessoriabile con feltrini , aggancio e carrello

Preview

Caricamento in corso    
  • +€ 423,00
  • +€ 7,30
  • +€ 3,00

Special Price € 94,50

Prezzo di listino: € 105,01

Air-Chair è disponibile per l'acquisto solo in multipli di 4

Dettagli

Schema Dimensioni

Sedia impilabile senza braccioli Air-Chair di Magis ideata da Jasper Morrison, caratterizzata dal design essenziale, con struttura in polipropilene disponibile in vari colori. Impilabile fino a 10 sedie è adatta anche per esterni. Accessoriabile con feltrini da applicare sotto le gambe, coppia di alette di aggancio di sedia l’una all’altra e carrello porta sedie
Trova ampia collocazione nelle abitazioni, negli uffici, locali pubblici ed esterni data la sua estrema versatilità
Acquistabile in multipli di 4 sedie, per acquisti diversi vi preghiamo di contattarci

Sedia impilabile (fino a 10 sedie) senza braccioli.

Anche per esterni, sul sedile è stato applicato un foro per permettere lo scolo dell’acqua

La struttura è in polipropilene caricato di fibra di vetro, stampaggio con la tecnica dell’air-molding.
Disponibile in vari colori coprenti

Accessoriabile con
- feltrini che ammortizzano il rumore della sedia quando viene spostata
(per una corretta applicazione sostituirli al piedini)
- carrello portasedie in tondino di acciaio con portata massima di10 sedie
- coppia di alette di aggancio in pvc che agganciano e collegano le due sedie

Air-Chair ha ottenuto la Certificazione Greenguard Gold

Il prodotto è stato esposto nei seguenti musei :
2012 – Musee National d’Art Moderne Centre Georges Pompidou - Paris
2006 – Museo del Design Italiano - Fondazione Anna Querci - Calenzano (Firenze)
2004 – Die Neue Sammlung – Pinakothek Der Moderne - München
2004 - Kestner Museum - Hannover
2001 – Design Museum – London
2000 - Musee National d’Art Moderne Centre Georges Pompidou - Paris

Ha ottenuto i seguenti premi:
2006 - NeueKlassiker2006 - Schoener Wohnen
2001 - Observeur du Design
2001 - Chicago Athenaeum, Good Design Award
2000 - Premio CATAS 2000 - Udine
2000 - Blueprint 100% Design Awards London (Manufacturer’s Award)
2000 - Nomination Centre George Pompidou – Carrefour de la Création

La sedia viene spedita imballata in cartone

Air-Chair è acquistabile in multipli di 4 sedie, per acquisti diversi vi preghiamo di contattarci

Dimensioni sedia : cm 49x51x77,5h– altezza seduta cm 47
Imballo: 1 collo - mc 0,32 - Kg 21,1
Peso sedia: Kg 4,3

Imballo agganci
1 collo - mc 0,01

Carrello Portasedie
Dimensioni carrello: cm 70x85x85h
Imballo 1 Collo - mc 0,402 - Kg 10
Peso carrello: Kg 9

Jasper Morrison

Jasper Morrison

Jasper Morrison è nato a Londra nel 1959, si è laureato in Design al Kingston Polytechnic Design School di Londra, ha conseguito un master post-laurea al Royal College of Art. Nel 1984 ha studiato presso la HdK di Berlino dopo aver ricevuto una borsa di studio.
Nel 1986 apre Office for Design a Londra. Il suo lavoro è stato incluso nella mostra Documenta 8 a Kassel nel 1987, per la quale progettò il Reuters News Centre. L'anno seguente fu invitato a partecipare al "Design Werkstatt", parte del programma "Berlin, Cultural City of Europe", dove espose "Some new items for the house, part I" alla DAAD Gallery. In questo periodo incominciò a progettare per SCP a Londra, per il produttore tedesco di maniglie FSB, per l'azienda di arredamento per uffici Vitra e per l'azienda italiana di arredamento Cappellini.
Nel 1992 insieme a James Irvine organizzò Progetto Oggetto per Cappellini, una collezione di oggetti per la casa progettati insieme a un gruppo di giovani designer europei. Lavorò anche con Andreas Brandolini e Axel Kufus su una serie di installazioni, mostre di design e progetti di urbanistica sotto il nome Utilism International. Nel 1992 la sua videoconferenza "Un mondo senza parole" è stata pubblicata in un libro dal graphic designer Tony Arefin.
Nel 1994 Jasper Morrison fu ospite d'onore e inaugurò anche una sua mostra alla Interieur '94 in Belgio. Nel 1995 ci fu una sua personale al Arc en Rêve Centre d'architecture di Bordeaux. Iniziò inoltre una collaborazione con Üstra, l'Autorità per i Trasporti di Hannover, progettando una fermata dell'autobus per la città.
Nel 1995 l'ufficio di Jasper Morrison vinse il contratto per progettare il nuovo Tram di Hannover, la più grande produzione europea di ferrovie leggere per un valore di 500 milioni di marchi tedeschi. Il primo veicolo fu presentato al pubblico nel Giugno del 1997 alla fiera industriale di Hannover e vinse il premio IF Transportation Design Prize e anche l'Ecology Award.
Tra i suoi progetti ed installazioni più recenti: "The State of Things" a completamento dell'edizione del Design Year Book del 1999; una mostra personale alla Axis Gallery di Tokyo e per Flos presso Yamagiwa a Tokyo, una mostra come designer dell'anno alla Design Fair di Parigi, una mostra Magis a Palermo in collaborazione con Michael Young e Marc Newson e un'altra mostra alla Deste Foundation di Atene.
I lavori più recenti comprendono il progetto di arredi per la Tate Modern di Londra, "Luxmaster" per Flos; Folding Air-chair e Low Air-Table per Magis; una monografia "Everything but the walls" pubblicata da Lars Mueller Publishers; una panca per Roppongi Hills a Tokyo; il sistema di tavoli da uffcio ATM per Vitra e una linea di utensili da cucina per RowentaJasper Morrison Ltd., attualmente con sede a Londra e Parigi, ha lavorato e, nella maggior parte dei casi collabora tuttora, con le seguenti aziende: Alessi Spa, Italy; Alias Srl, Italy; Canon Camera Division, Japan; Cappellini Spa, Italy; Flos Spa, Italy; FSB GmbH, Germany; Magis Spa, Italy; Rosenthal AG, Germany; Sony Design Centre Europe; Samsung Electronics, Korea; Vitra International AG, Switzerland.

Magis

Magis viene fondata nel 1976. Nel 1994 viene prodotto Bottle, il primo progetto di Jasper Morrison per Magis, un oggetto che ha dato lustro a Magis collezionando moltissimi premi di design. Il 1996 è stato l’anno del Bombo di Stefano Giovannoni. Uno straordinario successo commerciale sul piano internazionale, tuttora vivissimo, è ancora supercopiato e superimitato. Il 2003 è stato l’anno della Chair_One di Konstantin Grcic. Un progetto fortemente innovativo. Rappresenta un esempio moderno di impiego della pressofusione di alluminio. Il suo disegno è lasciato più al vuoto che al pieno con conseguente economia di materiale.
Nel 2005 la famiglia Striped dei fratelli Bouroullec in poliammide trasparente ha riscosso molto successo, come lo sgabello Déjà-vu in pressofusione di alluminio lucido. Entrambi testimoniano la costante ricerca di materiali e forme diverse. Nel 2006 Magis ha presentato al Salone del Mobile 21 nuovi progetti, forse il miglior raccolto annuale che Magis abbia mai fatto in trent’anni di attività, a conclusione di un ciclo progettuale di circa tre anni.
Da ricordare uno fra tutti la sedia Chair First di Stefano Giovannoni, che segna un primato nell’air-moulding (da qui il nome First): lo svuotamento del telaio non è semplicemente applicato a volumi con ridotta sezione tubolare, bensì a volumi estesi e complessi come l’intero sedile e schienale. Il 2008 è stato l’anno della Steelwood Family dei fratelli Bouroullec, una collezione realizzata in lamiera di acciaio e massello di faggio e costituita da una sedia, da un sistema di tavoli e da un sistema di librerie.
Il 2010 è segnato anche dal grande rientro nel team Magis di Marcel Wanders, di cui sono stati presentati ben tre progetti (le sedie Cyborg, Troy e Sparkling). Da segnalare inoltre il lancio di Spun di Thomas Heatherwick, una seduta roteante in polietilene con cui il designer ha portato una svolta sorprendente nell’arredo di design convenzionale.


 Visita il sito Magis


Banner Magis


 

Air-Chair

EUR

€ 86,07

0

Close